13 _MG_7169 5 P11 30 26-07-10 002 31

NUOVA TENDENZA: MENO COSTRUZIONI E PIU’ RISTRUTTURAZIONI

Possiamo considerare in questa direzione la nuova tendenza che riguarda l’architettura in Italia, dove la ripresa punta molto sul concetto di sostenibilità.

Mente in Europa è già più collaudata, in Italia, grazie a bandi europei e nazionali, molte città, anziché costruire, preferiscono recuperare quello che già esiste, da qui tutta una serie di interventi e iniziative tese a trasformare alcune aree urbane in “eco-quartieri” (es. Trento – ex polo industriale Michelin, Milano recupero del quartiere di Quarto Oggiaro).

In questo contesto la “sostenibilità”, il “risparmio energetico” diventano concetti che assumono un ruolo determinante nelle scelte di un amministrazione, poiché presupposti imprescindibili nella “riqualificazione” di un qualsiasi immobile, riqualificazione che appunto parte dal renderlo più efficiente dal punto di vista dei consumi energetici.

Grazie anche all’apporto di nuovi materiali isolanti o soluzioni quali ad esempio cortine in facciata continue con creazione di camere d’aria, è possibile “controllare” la dispersione o la conservazione del calore di un immobile.

Le certificazioni ambientali stanno svolgendo un ruolo fondamentale anche per le nuove costruzioni anche perché, al contrario di quanto si possa pensare, “progettare verde”, “progettare secondo i criteri della sostenibilità” comporta un aumento dei costi molto limitato, tanto che si stima che con solo il 2% in più di spese, sia possibile aumentare del 30-40% i risparmi energetici.